A+ A A-

Recensione su EcoRisveglio, 27 MArzo 2013

II titolo, II Graal e La Dea, del libro pubblicato da Francesco Teruggi nello scorso dicembre, allude a temi di cultura religiosa pre­cristiana che presiederebbe alla costruzione del santuario incompiu­to delle Madonna della guardia a Ornavasso. L'autore raccontando la sua scoperta progressiva offre una sorprendente interpretazione della genesi di questo edificio. Pregio della narrazione è di propor­re dall'osservazione dei luoghi, deduzioni di volta in volta legate ad argomenti storicamente concreti ed informazioni su materie diffici­li, come l'alchimia, accompagnate da puntuali indicazioni bibliografiche.

RecensioneEcoRisveglio 270313VB-rid Così il lettore è introdotto a scoperte davvero eccezionali secondo un'abile percorso avventuroso, senza per questo imporre quelle "verità" che i ricercatori superficiali colgono da racconti e leggende per rendere probabili delle pseudo scoperte. Per intenderci nulla del genere coltivato da Dan Brown e da simili autori di lette­ratura sensazionale, intorno a misteri rivelati con troppa faciloneria. Riguardo al fondatore del grande santuario, lo scrittore punta l'at­tenzione sull'arrivo a Ornavasso di Giancarlo Visconti di Modrone, nel 1659, quando il medico milanese Giuseppe Francesco Borri, noto alchimista denunciato dalla Santa Inquisizione, fuggì rifugian­dosi in Olanda.

Il nobile milanese, che era anche abate, nello stes­so anno raggiunse Ornavasso, dove edificò per sé una abitazione di pianta ottagonale, non lontano dall'area dedicata alla costruzione del santuario che pure presenta una pianta ottagonale. Resta il fatto che Giancarlo Visconti di Modrone, di fama ascetica fuor di ogni sospetto, a Milano ebbe rapporti con l'alchimista Bor­ri, e l'ordine dei dipinti scelti dall'architetto (o dal Visconti stesso) offre qualche dubbio sulla fedeltà alla Controriforma.

Prima di tut­to la Madonna che allatta Gesù, rappresenta, secondo uno schema dell'alchimia, la crescita che è anche trasformazione; a destra, S. Anna che partorisce Maria: la nascita; a sinistra San Giuseppe, lo sposo della Vergine Maria, deceduto e accolto da Gesù e dagli an­geli: la morte. Infine nella cupola l'assunzione in ciclo della Madon­na e cioè dopo la morte la "rinascita nello spirito". Nei quadri del santuario vi sarebbe dunque una iconografia iniziatica: La Grande Opera alchemica è stata introdotta e celata, con riferimenti a testi apocrifi, che pure non appaiono in contrasto con i quattro Evan­geli.

E del resto fuori dei divieti della Controriforma, riguardo alle configurazioni della Madonna del latte, non solo a Ornavasso ma in tutta la Valdossola essa riappare più volte col seno nudo ad allattare il divino fanciullo. Pertanto questo dipinto materno può far pensare ad una più antica religiosità, dei Celti in particolare, che allude alla Grande Madre, la dea di tutti gli uomini. Un santuario cattolico che cela in sé una visione della cultura alchemica costituisce un motivo di riflessione davvero eccezionale.

 

Vanni Oliva scrittore

 

Ecorisveglio, 27 Marzo 2013, Edizione del Verbano, p.46

Vota questo articolo
(2 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite", "Agata" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento

Puoi commentare liberamente. Ti prego di non inserire commenti offensivi, pena la cancellazione immediata.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Torna in alto

CERCA NEL BLOG

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Aggiornamenti

  • Il Graal e La Dea in TV!
    Si va in TV! Questa mattina registrerò l'intervista in qualità di autore di "Il Graal e La Dea" per VideoNovara, Teleritmo, ValsesiaTv.
    Scritto Mercoledì, 09 Aprile 2014 09:55 Letto 1907 volte
  • Presentazione a Comignago (NO)
    ... e per cominciare l'anno nuovo in bellezza, una incredibile presentazione a Comignago (NO), un grande successo di pubblico.
    Scritto Lunedì, 20 Gennaio 2014 19:47 Letto 2095 volte
  • Gozzano e Gravellona Toce
    Le ultime due presentazioni a Gozzano (NO) e a Gravellona Toce (VB) sono la degna chiusura di un anno intenso ed entusiasmante.
    Scritto Sabato, 07 Dicembre 2013 19:45 Letto 2068 volte
  • Presentazioni alla Guardia
    Finalmente sono approdato con il mio libro proprio al Santuario della Guardia per due presentazioni "itineranti"in due weekend di Settembre. Davvero emozionante!
    Scritto Venerdì, 04 Ottobre 2013 19:43 Letto 1936 volte
  • Al congresso Druidico Autunnale
    Sarò ospite come relatore insieme al mio libro al XII Congresso Nazionale di Druidismo e Stregoneria a Salussola (BI)... una nuova e stimolante esperienza...
    Scritto Domenica, 01 Settembre 2013 19:41 Letto 1995 volte

LogoSogitS.O.G.IT Verbania

FrancescoTeruggi.com - Copyright © 2012 Francesco Teruggi - Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.

Testi, foto, video e ogni altro contenuto sono proprietà esclusiva di Francesco Teruggi, salvo eventuali ed espresse specificazioni di diversa provenienza.