Logo
Stampa questa pagina
BIOT: VIVERE DI TURISMO SI PUO'

BIOT: VIVERE DI TURISMO SI PUO'

Non saranno perfetti neppure loro, avranno i loro problemi di certo. Ma sono un esempio lampante di come vivere di turismo è possibile.
Un paesello di novemila abitanti (oggi) stretto tra la riviera della Costa Azzurra con le promenade alle moda di Nizza, Cagnés e Antibes, il blasonato centro profumiero di Grasse, l'elegante Saint Paul de Vence, il Museo Leger, che è nel territorio ma distante 4 chilometri e 4 colline dal centro (dopo la visita si fa molto prima a scendere a Cagnés) si è rimboccato le maniche ed è riuscito nell'impresa.

viverediTurismo1

Certo, non sono stati tutti lì a nascondersi dietro il "non ci sono soldi" e a darsi le colore e gli uni agli altri.

Certo, qui il benessere del paesello, della collettività è un valore.

Certo qui conta chi sa fare, non chi è figlio o nipote di...

Certo qui le sovrintendenze non si limitano a depredare e cementare con la scusa di "preservare", per poi chiudere tutto nei depositi dei musei di città. Hanno lasciato tutto al paese, responsabilizzandolo... Ed è nato un piccolo ma interessantissimo, fornitissimo e grazioso museo, che con 4 euro di biglietto espone tutta la millenaria storia del paese, con abbondanza di materiali, aperto 10ore al giorno, 7 giorni su 7 tutto l'anno. E tanto di piccola libreria...

viverediTurismo2

Certo qui il prete e la parrocchia si sono lasciati dietro l'inquisizione da un pezzo e invece di tuonare contro chi osa dire che la chiesa è costruita su un sito celtico, tengono aperte tutte le chiese del paese 7 giorni su 7, 12 ore al giorno , tutto l'anno. E siccome il valore spirituale di questi luoghi il parroco lo riconosce, la parrocchia stampa - con metodo litografico, in ampia ed elegante tiratura - un apposito opuscolo per aiutare i visitatori a vedere tutti i tesori spirituali che la chiesa custodisce e la storia di come fu edificata su un tempio romano sorto su un luogo sacro celtico. E lo distribuisce GRATIS invitando a prenderne anche più di una copia.

viverediTurismo3

Certo il paese anziché sperperare in opere inutili, ha investito in parcheggi comodi, abbondanti e GRATIS. E all'ingresso del paese la municipalità, d'accordo con il ministero francese del turismo, ha ricavato un ampio ufficio turistico che distribuisce 7 giorni su 7, 10 ore al giorno tutto l'anno, GRATIS, opuscoli sul paese e sulla regione, opuscoli moderni, con le informazioni aggiornate ogni sei mesi e non ogni sessant'anni e stampati in 4 lingue diverse.

ViverediTurismo4

Certo, l'assessorato al turismo qui ha predisposto un percorso tra le vie del paese, ben segnalato da cartelli, che indica tutte le bellezze locali, dalla parrocchia dedicata alla Maddalena, ai resti della magione Templare, a tre case che crollarono decine di anni fa. Non sarà importante, ma anche questo fatto è parte della storia del paese e come tale viene valorizzato.

Certo, il paese, per favorire il turista nelle visite, ha costruito percorsi tematici e per ognuno ha realizzato opuscoli moderni, con cartine e informazioni dettagliate, stampati in almeno 4 lingue e aggiornati ogni 6 mesi.

viverediTurismo6

Certo, il Ministero del Turismo sa cosa sia la multimedialità. E i piccoli paesi pure. Perciò tutti hanno un sito internet curato, bello, ricco, pieno di informazioni, davvero multilingue e al passo coi tempi... distanze siderali dagli obbrobri mal tenuti dei nostri comuni o da quello scempio indegno che è Italia.it

Certo, nei ristoranti si servono rigorosamente e con fierezza cibi e vini locali di qualità a prezzi adeguati.

viverediTurismo8

Certo, qui nessuno si è perso in grandi e inutili progetti o in battaglie sproporzionate che riempiono soltanto la bocca. Hanno badato al sodo, a quello che il paese poteva e può fare, non alla vanagloria e alle tasche di qualcuno - che magari si saranno pure riempite lo stesso, chi lo sa, ma almeno è servito a qualcosa -

viverediTurismo7

Certo, tutto il paese anziché lamentarsi si è dato da fare, tutto il paese ha collaborato e collabora. Ecco perché attrae decine e decine di migliaia di turisti ogni anno, ecco perché tra le sue vie ci sono ben 60 piccole gallerie d'arte attive, decine di boutique e ristoranti, 3 immobiliari, ecc. ecc. Ecco perché qui la gente investe e i giovani restano.

viverediTurismo9

Nell'entroterra di Nizza di paesi così ce ne sono a decine... BIOT non è un caso, è la normalità. Eh, già, in Europa... Poco oltre il confine della nostra mentalità retrograda e opportunista.

Vivere di turismo, allora, si può!

-Francesco Teruggi -

Vota questo articolo
(6 Voti)
Francesco Teruggi

Scrittore e giornalista pubblicista. Direttore delle collane "Malachite" e "Topazio" presso Giuliano Ladolfi Editore. Autore del saggio divulgativo "Il Graal e La Dea" (2012), del travel book "Deen Thaang - Il viaggiatore" (2014), co-autore del saggio "Mai Vivi Mai Morti" (2015), autore del saggio "La Testa e la Spada. Studi sull'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni" (2017). Presidente dell'Associazione Culturale TRIASUNT.

Leggi qui la biografia completa

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.